biel lant a Messe a...

Cividale del Friuli (UD), 6 Gennaio 2011
Duomo di Santa Maria assunta


La chiesa di San Francesco e il Duomo

Santa Messa dello Spadone
nella Epifania del Signore

La tradizione della Messa detta "dello Spadone" dal sec. XIV non si Ŕ mai interrotta nÚ durante le invasioni nÚ durante le guerre a cui la nostra regione fu sovente soggetta nei tempi passati. Tuttavia, secondo una nota manoscritta di Giovanni Battista Candotti (Memoria per le funzioni che si fanno nell'insigne Collegiata di Cividale, luglio 1857), "nel 1849, per le vicende politiche, si sospese l'uso dell'elmo e della spada". L'uso riprese nel 1858.

I CANTI DELLA MESSA - I testi della liturgia attuali, proclamati o cantati in latino, sono quelli della solennitÓ dell'Epifania, di rito romano, secondo la riforma del Concilio Vaticano II riportati nel Messale di Paolo VI. Il testo dell'annuncio delle celebrazioni pasquali e le melodie dell'Epistola e del Vangelo fanno parte del patrimonio medievale proprio della Chiesa cividalese. La corale źAntonio Foraboschi╗, Cappella Musicale della Basilica di Cividale, accompagna la celebrazione della źMessa dello Spadone╗, sostenendo le parti liturgiche cantate in latino, con composizioni appartenenti alla tradizione musicale della Chiesa cividalese dal XII secolo ai giorni nostri. L'Antifona d'introito, Ŕ il brano fece advenit per due soli, coro a 4 voci dispari e organo op. 47 (1845) di Giovanni Battista Candotti (1809 - 1876). Il Canto dell'Epistola, del Vangelo e l'Annuncio delle Celebrazioni dell'anno vengono eseguiti con melodie di origine cividalese (tono patriarchino), riportate da fonti manoscritte inedite custodite nell'Archivio capitolare della Basilica. Il Salmo Responsoriale Ŕ tratto dal patrimonio monodico del Kyriale Simplex; l'Alleluia per soli, coro a 4 voci dispari e organo Ŕ di Antonio Qualizza, attuale organista della Basilica. All'Offertone, viene cantato il discanto medievale Missus ab arce. Durante la Comunione si canta l'inno natalizio Jesu Redemptor omnium per tenore, coro a 3 voci pari e organo del compositore codroipese Giovanni Battista Candotti, giÓ maestro di cappella della Basilica, di cui quest'anno ricorre il secondo secolo dalla nascita. Il Kyrie, il Gloria, il Sanctus e l'Agnus Dei sono tratti dalla Messa Regina Apostolorum per 4 voci dispari di Antonio Foraboschi.



 AVVISI




 CANTO D'INGRESSO



 INIZIO MESSA


...il saluto del diacono ai fedeli con Spadone ed Evangeliario...



 LECTIO PRIMA

Diacono: LÚctio libri Isaiae ProphÚtae
Surge, illuminare, Ierusalem: quia venit lumen tuum, et gl˛ria D˛mini super te orta est.
Quia ecce tÚnebrae opÚrient terram, et calýgo pˇpulos: super te autem oriÚtur Dˇminus, et gl˛ria eius in te vidÚbitur. Et ambulÓbunt gentes in l¨mine tuo, et reges in splendˇre ortus tui. Leva in circ¨itu ˇculos tuos, et vide: omnes isti congregati sunt, venÚrunt tibi: fýlii tui de longe vÚnient, et fýliae tuae de lÓtere surgent. Tunc vidÚbis, et Ófflues, mirÓbitur et dilatÓbitur cor tuum, quando convŔrsa f¨erit ad te multit¨do maris, fortit¨do gÚntium vÚnerit tibi. InundÓtio camelˇrum opÚriet te, dromedÓrii MÓdian et Epha: omnes de Saba vÚnient, aurum et thus deferÚntes, et laudem D˛mino annuntiÓntes.
Diacono: Verbum Domini.
Tutti: Deo gratias.



 CANTUS AD EVANGELIUM



 ANNUNCIATIO PASCHĂ

Plebs sancta Deo deserviens
hoc cupit audire
quod et videre desiderat.
Sicut gavisi estis de Nativitate
Domini nostri Iesu Christi,
ita et de Resurrectione eius
annunciamus vobis
universale gaudium.
Quapropter, fratres charissimi,
annunciamus vobis diem sanctum
et sacratissimum PaschŠ,
quas erit die vicesima quarta
intrante mense aprilis.
Caput vero ieiunii die nona
intrante mense martii.
Ut sit pax et gratia
Domini nostri Iesu Christi
cum omnibus vobis.


...l'Arciprete mons. Livio Carlino all'Omelia...


...i riti della Consacrazione con i sacerdoti rivolti verso l'altare...


         
 BENEDIZIONE E POSTLUDIO STRUMENTALE

          Il questa pagina ho dato pi¨ spazio alle preghiere ed ai canti al microfono, per le particolari condizioni operative che non mi hanno permesso di effettuare una soddisfacente registrazione del coro...

          Allontanandomi dal Duomo ho potuto riprendere la coda del corteo che si dirigeva sulla piazza per la rievocazione storica... Mi sono ritirato in fretta perchŔ nel primo pomeriggio Cividale mi aspettava per un nuovo importante evento...

MESSA DELLO SPADONE
www.cividale.com

La "Messa dello Spadone", che si celebra il giorno dell'Epifania a Cividale del Friuli nel Duomo cittadino, Ŕ un rito religioso di cui non si ha ancora una precisa documentazione che ne indichi l'origine e il significato. Nel tempo, diversi storici hanno cercato di svelare il "mistero" che avvolge questa antica cerimonia con diverse interpretazioni, spesso frutto di una fervida fantasia. Di sicuro si tratta di uno dei riti liturgici pi¨ singolari e suggestivi che la Chiesa ha conservato. L'appellativo "dello spadone" deriva dal fatto che, durante la cerimonia liturgica, fa la sua comparsa una spada, appartenuta al Patriarca Marquardo di Randeck, che il Diacono usa, in diversi momenti, sollevandola e fendendo l'aria in segno di saluto o benedizione, quando si rivolge al clero disposto nel coro e ai fedeli. La tesi pi¨ accreditata Ŕ quella che vuole dare alla cerimonia il doppio significato liturgico e politico, in quanto celebrata dal Patriarca all'atto del suo insediamento. Il Patriarca, infatti, era anche uomo d'arma in quanto deteneva il potere "temporale" di un vasto territorio: il Patriarcato d'Aquileia. Questa tesi pu˛ essere ulteriormente avvalorata dal fatto che il Diacono, con in testa un elmo piumato, durante alcuni momenti del rito impugna con la mano destra la spada e con la sinistra l'Evangeliario. La messa ha inizio con la processione del clero che esce dalla sacrestia secondo un preciso protocollo: il primo ad uscire Ŕ un chierichetto con una croce astile in argento, ai suoi lati due ceroferari con i loro candelieri; seguono i canonici ( un tempo una quarantina) con la cappa magna e le insegne di conti di Tolmino; il Suddiacono e il Diacono con in testa l'elmo piumato, la spada impugnata con la destra e l'Evangeliario appoggiato al petto sorretto con la sinistra; il celebrante con a fianco il maestro delle cerimonie seguiti da altri chierici che chiudono la processione. Salita la gradinata che porta al presbiterio, tutti si arrestano davanti all'altare (sormontato dalla famosa Pala d'argento dorato del Patriarca Pellegrino I), si voltano verso l'assemblea e il Diacono si fa avanti sino al limite della gradinata e con la spada vibra tre colpi in aria in segno di saluto o benedizione. Il celebrante si avvia all'altare e i canonici dell'insigne Collegiata di Cividale prendono posto nel coro. Il Diacono consegna la spada e l'elmo a due chierici mentre il libro dei Vangeli viene deposto sul leggio. La Messa sino all'Epistola si svolge in rito Romano. L'Epistola Ŕ cantata dal Suddiacono in antica melodia aquileiense. Prima della lettura del Vangelo il celebrante incensa il Diacono che si rimette l'elmo, prende la spada e L'Evangeliario e, accompagnato dai chierici e dai ceroferari, si porta nuovamente al sommo della scalinata per ripetere i tre fendenti di spada in aria. Successivamente il Diacono si toglie l'elmo e consegna la spada per poter incensare il libro del Vangelo e cantare il Vangelo epifanico secondo le modulazioni del rito patriarchino aquileiense, in cui trovano unione solennitÓ di tono e melodia gregoriana. Al termine del canto, il Diacono ritorna sulla cima della scalinata per ripetere il saluto con la spada e cantare, sempre con intonazione aquileiense, l'annuncio delle festivitÓ liturgiche che culmineranno nella Pasqua. La parte rimanente del rito non ha variazioni rispetto alle comuni liturgie. Alla fine il Diacono, sempre con elmo e spada, al canto dell' Ite Missa est, saluta i fedeli con tre poderosi colpi di spada. Il corteo si ricompone e discende la scalinata per tornare in sacrestia. Tutta la cerimonia Ŕ accompagnata dai canti e dalle musiche della Cappella Musicale del Duomo. L'EVANGELIARIO L'Evangeliario, che viene adoperato esclusivamente per la Messa dell'Epifania, Ŕ un codice del XV secolo. Oltre al Vangelo epifanico contiene anche quelli letti durante le maggiori solennitÓ della Chiesa. La sua copertura (cm. 27x19) Ŕ in lamina d'argento sbalzata con tracce di doratura ed Ŕ applicata su una tavola di legno rivestita di velluto rosso scuro,. La parte anteriore racchiude, entro una cornice ornata di fogliami disposti entro girali a forma di esse, la scena della "Crocifissione". Il Cristo, con i piedi distaccati e inchiodati su un largo supporto, ha il corpo leggermente incurvato sulla destra, le braccia sollevate ed il capo nimbato reclinato sulla spalla. Ges¨ Ŕ affiancato da Maria e Giovanni i atteggiamento di profondo dolore. Al di sopra, due angeli completano l'iconografia della sacra rappresentazione. Sopra la croce, entro una tabula, in lettere greche vi Ŕ abbreviato il nome di Cristo: IC XC. Sette borchie ad elice fissano la placca al legno. Sulla tavola posteriore Ŕ posta una cornice, deteriorata dal tempo, simile a quella della parte anteriore, con due borchie poste al centro. La copertura sembra per˛ anteriore al manoscritto che racchiude e gli storici dell'arte l'assegnano al XIII secolo. Questa venne probabilmente applicata al nostro codice dopo averla tolta da un altro testo sacro non pi¨ utilizzabile per la sua vetustÓ. L'Evangeliario fu ricopiato da un testo pi¨ antico dal presbitero Valerio d'Alba nel 1433, quando era vicario curato della Chiesa di Santa Maria di Corte, sita non lungi dal Duomo. Alla fine del codice, infatti, si legge: "Completum est hoc opus Evangeliorum per me Presbjterum Valerium de Alba clericus Cracoviensis diocesis vicarius ecclesiae Santa Marie de Curia. Anno ab incarnatione Domini millesimo quadrigentesimo ticesimo tertio." LA SPADA La spada, di forma tedesca e lunga cm. 109 (i Cividalesi la chiamano "spadone") appartenne a Marquardo von Randeck, Patriarca dal 1366 al 1381 Il suo nome Ŕ inciso sulla guardia dell'elsa, di ottone argentato e finemente lavorato, che riporta anche la data della sua investitura a Patriarca di Aquileia: 6 luglio 1366 "AN░ MCCCLXVI DIE VI IVL - TEMP.RE MARQVARDI PATR." Dopo la cerimonia la spada viene riposta in una guaina di cuoio rivestita di seta bianca. L'ELMO L'elmo, di foggia cinquecentesca, Ŕ di cartone rivestito di cuoio riccamente decorato. Ha come cimiero un dragone e, sulla fronte, tra due campi rossi ed in mezzo ad una foglia d'acanto, reca l'immagine di Santa Maria Assunta, titolare della Basilica. E' reso ancor pi¨ appariscente da piume di colore rosso, bianco, giallo e azzurro.

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

Cividale del Friuli, 6 Gennaio 2011
Santa Messa dello Spadone
Officiata dall'Arciprete mons. Livio Carlino
Canti in Melodia Cividalese del Diacono don Fiorino Miani
Gruppo Corale Coro "Antonio Foraboschi"
Direttore Luca Zuliani - Organista Antonio Qualizza
 

01 1.26 Informazioni in attesa
02 4.05 Lettura Catalogo dei Vescovi e Patriarchi
03 1.39 Avvisi (prima del canto d'ingresso)
04 4.29 Antiphona ad Introitum (Coro)
05 2.11 Signum Crucis e saluto del Celebrante
06 3.28 Kyrie (Coro)
07 6.25 Gloria (Coro)
08 2.25 Lectio Prima (Canto antico cividalese)
09 1.06 Psalmus Responsorius (Coro)
10 1.56 Cantus ad Evangelium (Coro)
11 6.57 Evangelium (Canto antico cividalese)
12 2.25 Annunciatio PaschŠ (Canto antico cividalese)
13 10.03 Omelia dell'Arciprete Mons. Livio Carlino
14 2.00 Oratio - Prex Eucharistica (Celebrante)
15 3.33 Sanctus (Coro)
16 1.03 Pater Noster (Tutti)
17 3.03 Agnus Dei (Coro)
18 5.00 Jesu, Redemptor omnium (Coro)
19 4.33 Berichinissima (Organo)
20 1.52 Benedictio e Dimissio
21 2.21 Posludio strumentale (Organo)