biel lant a Messe a...

Flaibano (UD), 6 Luglio 2008
www.comune.flaibano.ud.it/


CAP: 33030 - Abitanti: 1196
Altitudine (s.l.m.) : m. 104 - Superficie : Kmq. 17,24

     Il toponimo di Flaibano di origine romana ("Flavianus"). Il paese e la sua unica frazione, San Odorico, sono citati nel diploma ottoniano del 983 (lo stesso che riporta per la prima volta il nome di Udine). Entrambi i paesi furono uniti alla Chiesa di Udine nel XII secolo e seguirono le sue sorti. Durante la Prima Guerra Mondiale quasi tutta la popolazione segu le truppe italiane in ritirata; nei primi giorni del 1918 scoppi una epidemia di febbre spagnola che fece moltissime vittime.

Le Parrocchie di Flaibano, S. Odorico e Barazzetto in festa per il
Giubileo Sacerdotale di don Giuseppe Brochetta

     Flaibano - Mentre l'Arcidiocesi di Udine in festa per lordinazione sacerdotale di tre novelli sacerdoti, alcune parrocchie ricordano anche chi stato ordinato 50 anni fa. Tra queste, le parrocchie di Flaibano, Barazzetto e S. Odorico si stringono attorno a don Giuseppe Brochetta per ricordare e celebrare il suo giubileo sacerdotale.
     dal 1975 che don Brochetta parroco a Flaibano, cui man mano si sono aggiunte la parrocchia di Barazzetto (dal 1989) e quella di S. Odorico (dal 1998). In precedenza ha esercitato il suo ministero come cappellano per un anno a Cividale e per cinque a Galleriano; per una prima esperienza di parroco, fu per 11 anni a Raveo.
     Domenica 6 luglio, giorno in cui 50 anni fa ha celebrato la sua prima Messa a Marano Lagunare, suo paese natale, le tre parrocchie si stringeranno a lui per ringraziare il Signore per il grande dono del sacerdozio e pregare perch non vengano a mancare vocazioni sacerdotali.
     In programma momenti di preghiera e di riflessione nelle tre sere precedenti, che culmineranno nella celebrazione della Messa giubilare, alle ore 11, la domenica. Seguir un momento conviviale nel nuovo oratorio.      (La Vita Cattolica del 5 luglio 2008)



 CAMPANE


L'interno della parrocchiale


...mentre la Corale "Sn furlans" diretta da Adelchi Zoratti st provando...


         
 CANTO E SALUTO INIZIALE



 ESTRATTO DALL'OMELIA


         
 PREGHIERE E CANTI



 CANTO FINALE
...e scampanata...

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

...si poi proseguito con il cerimoniale civile...

A Pre Bepino pai siei 50 agns di sacerdozi
(Giacomina De Micheli - 6 Luglio 2008)


 ESTRATTO DALL'INTERVENTO DI "MINE"

      La vuere, come dutis lis vueris, e veve slambrt cjasis, fameis, sintiments e afiets.
     Ancje a Maran e jere passade; un pas sul r dal mr, dul che i pescjadrs stracs a tornavin a cjase sul cric dal d, cu lis rts, a voltis plenis, a voltis vueitis, ma chel pes, al jere il sostentament de famee.
     Ancje la famee di Bepino, un frut come tancj, e viveve di pescje, ma une brute gnot, Pippo, cussi a clamavin la formazion aeree, al mitrali la barcje di so pari. Une famee distrute, une famee metude in zenoglon, ma jenfri tant dolr e stents e butul une menade: -Un fiol al saltar fr dal tronc di Jesse e une menade e vignar fr des ss lidrs. Sore di lui si poiar il Spirt dal Signr, Spirt di cognossince e di timr di Diu -. Is. 11,1-2. Chel butul di Jesse al nass jenfri la int di mr, come ai timps di Crist, framie dai pescjadrs. "Us fasarai pescjadrs di oms!"
     A dodis agns Bepino al jentr in colegjo, p in seminari. Il d di S. Pieri e Pauli tal 1958 al vign consacrt tal Dom di Udin dal Vescul Zaffonato, insieme a altris 18 zovins contents e senes di metisi a lavor te vigne dal Signr.
     Bisugne d, che Don Bepino al jere il prin predi dal pas di Maran che al diseve Messe dopo 100 agns. Si pues dome inmagjin la fiestone che i n fat i siei ams e paiesans pe prime Messe celebrade une setemane dopo de s consacrazion. Cuiss mai ce che a pensavin chei 19 predissuts distirts sul saliso dal Dom?
Siguramentri ducj a jerin pronts a part cun spiri di ubidience e fervr, cul compit di puart tal mont, insieme a la lr fede, il Vanzeli di Crist.
     A chei timps, lis glesiis a jerin plenis, nissune vore si scomenfave cence d "a glorie di Diu", nuie si finive cence ringrazi il Signr. La nestre tiere, fie di Aquileie, e jere siore di tradizions e di valrs cristians. Cui no si visie des bielis Messis grandis, clamadis: Messis dai Agnui? Processions che no finivin plui, cerimoniis religjosis puartadis indenant di ete in ete cun fede e devozion. Pre Bepino, lu veve sielt il Signr, cul so jutori nol veve di v pre di nuie!
     Cun chest coragjo apostolic tal Otubar 1958 al part pe prime esperience pastorl come capelan a Cividt, un an dopo, tal pas di Gjalarian.
     Tal Dicembar dal 1964, dasp deventt plevan, al cjap in consegne la parochie di Raveo, l lu compagna s sr Gjeme. Une responsabilitt unevore grande par un zovin plevanut timit e riservt come che al jere lui.
     A Raveo al resta fin tal Otubar 1975 e tal Novembar dal stes an, al riva a Flaiban.
Cun lui a vignirin Gjeme e s gnece Teresa. La vigne e jere grande e tant lavr, ma pe mancjance di predis, il Vescul i consegna tal 1989 la parochie di Baract, nf agns dopo ch di S. Dur.
Un pastr atf, cun pioris che no simpri i lavin dar, che no simpri lu ubidivin, pioris disps cjavestris che dal sigr lu n fat pen.
     Vu si scugne fa une riflessioni une volte la int e sintive la bisugne di vivi cul Signr, cum lis glesiis a son vueitis e il Signr al ven "doprt" dome in determinadis ocasions. I nestris fruts, a cressin cence Messe, salacor cence preiere. I bs, par tancj, e n jempladis lis sachetis e svuedade l'anime. Ce vino di di al nestri Sir Santul, come che lu clamavin i vons?
     Soredut, ringraziu par dut ce che nus a dt, par dut ce che al a fat e che al sta fasint a lis nestris comunitts e pa lis bielis Messis insioradis cun predicjis nudridis di Peraule di Diu.
     A Don Bepino, o domandn che al continui a pre pai nestris fruts, pe zoventt che no si pierdi tal davoi de vite, pes fameis che, magari cuss no, a son sot il burla di chest mont trist e salvadi. Te so preiere o domandn un ricuart pai nestris emigrants, pa la int foreste vignude chenti a cir furtune, pai malts, pai vecjos che a stan finint la lr corse e par chei che n pierdude la juste strade. Ma no si pues dome domand, bisugne ancje prometi e f.
     Fruts, cjapait pe man i vuestris gjenitrs e lait cun lr a Messe, zovins, che o ss tal flr de vite, no stait a pretindi cence d. N che o sin indevant cui carnevi din il bon esempli. Par tancj lis cjampanis, vs di Diu, a sunin dibant. Purtrop, la domenie, no je plui ni une zornade di polse, ni une zornade di preiere, la modernitt le a fate devent come une fantate che e rt svampide.
     Alore, scomencn cui vierzi lis puartis a Crist, lui tal moment dal sconfurt, se o vin fede, nus consolar. Vivn cun serenitt e in ps, cirint di da ps. Insieme pren il Signr che al tegni Don Bepino in salt e a lunc cun n; un pas cence predi al tant che un fogolr cence fuc.
     Il Signr, al nestri plevan i a dt il pod di bened; che nus benedissi e che nus racomandi a la Madone mari di ducj, a lui, la Vergjine Marie i tegni la man sul cjf e lu compagni simpri.
     Ad multos annos.

Cun agrt lis comunitts di Flaiban - Baract - e S. Dur.
Flaiban - 6 di Lui- 2008.


         
 ESTRATTO DALL'INTERVENTO DEL SINDACO DI FLAIBANO


...dopo altri vari interventi e consegne a don Giuseppe dei meritati riconoscimenti...
...i festeggiamenti sono continuati nel vicino oratorio con un convivio in fraternit...


Abbiamo creato un CD audio (del quale presentiamo il retro-copertina)
disponibile per chi ne far richiesta

Parrocchiale di Flaibano, 6 Luglio 2008
Santa Messa
per il Giubileo Sacerdotale di Giuseppe Brochetta
con la Corale "Sn furlans" di Flaibano
diretta da Achille Zoraratti
 
01 3.00 Campane
02 1.49 Canto d'inizio
03 1.23 Benvenuto del rappresentante del C.P.
04 1.13 Canto "Signr vr dl di n"
05 2.43 Canto del "Glorie"
06 1.43 Canti e letture
07 10.44 Omenia di don Giuseppe
08 3.13 Preghiere e intenzioni
09 1.44 Canto
10 1.40 Canto
11 1.25 Canto
12 1.05 Canto
13 1.04 Canto
14 1.43 Canto
15 1.47 Canto
16 1.59 Preghiera
17 2.18 Benedizione
18 2.12 Canto finale
19 2.00 Inizio cerimonia civile
20 6.50 Intervento di Giacomina De Micheli
21 8.34 Intervento del Sindaco di Flaibano
22 11.01 Interventi vari e chiusura
23 4.58 Scampanottata

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

Arte e cultura: FLAIBANO (UD)

     L'attuale Chiesa parrocchiale, edificio ad una sola navata con cappelle laterali, il prodotto di continue modifiche succedutesi nei secoli e culminate nel quasi totale rifacimento (per quanto riguarda la parte architettonica) avvenuto tra gli anni 1922 e 1933.
     Conserva due acquasantiere del 1511 e del 1671, un altare marmoreo settecentesco con le statue dell'Annunciata e dell'Arcangelo Gabriele, nel quale furono collocate, nel 1772, le reliquie dei Martiri Bonifacio e Vittorio.
L'altare ha preso il posto del precedente, cinquecentesco, parte in legno e parte in pittura; i documenti lo ricordano come un trittico in legno dorato a due ripiani al centro dei quali stanno le statue della Madonna con Bambino e dell'Eterno Padre, ai lati le pitture di S. Pietro Martire e S. Giovanni Evangelista, S. Rocco e S. Urbano (in alto) e delle Ss. Agata e Brigida (in basso). Era quindi simile all'antico altare della parrocchiale di Remanzacco ed infatti l'autore era lo stesso, Bernardino Blaceo, intagliatore e pittore udinese, qui operoso intorno alla met del XVI secolo.
I quattro dipinti con i sei Santi nominati sono rimasti e testimoniano delle buone capacit dell'artista. La pala delle Anime (cio la Madonna con Bambino e le anime del Purgatorio, S. Michele arcangelo, S. Antonio di Matha e un altro Santo) risale al 1773 ed opera di Biagio Cestari, pittore di Osoppo: composizione affollata e priva di respiro, si riscatta per qualche interessante tocco di colore.
     L'antico portale della chiesa, ora posto sul fianco sinistro, opera datata 1506 e firmata da Giovanni Antonio Pilacorte: ha un malandato tondo con la Madonna con Bambino in bassorilievo nella lunetta e stipiti e architrave decorati con ben sedici testine di putti alati.
     Nella Chiesetta di S. Giovanni in localit Sottoselva, altarolo in pietra con figure in bassorilievo della Madonna con Bambino nella lunetta e di S. Giovanni Battista con il donatore Donato Tiritello nella pala.
Le parti figurate sono dipinte, fatto quasi eccezionale nel mondo scultoreo friulano ma non infrequente nelle opere del lapicida Carlo da Carona: cui pu essere attribuito l'altare, datato 1536.
     La Chiesa di S. Odorico al Tagliamento, ricordata fin dall'XI secolo, ha una bella abside semicircolare romanica con finestra a tutto sesto strombata; sguanci lavorati, ed un antico affresco con S. Cristoforo in facciata (XIV secolo?). La chiesa conserva quattro dipinti settecenteschi raffiguranti gli Evangelisti, recentemente restaurati. La tradizione orale li vuole dono fatto alla chiesa, tra Sette ed Ottocento, dalla famiglia carnica dei Cortolezzis: sono attribuiti al pittore Nicola Grassi (Formeaso 1682 - Venezia 1748).

 Informazioni tratte da: 
 GUIDA ARTISTICA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 
(
a cura di Giuseppe Bergamini )
dell'Associazione fra le Pro Loco del Friuli-Venezia Giulia