biel lant a Messe a...

Tavagnacco, 2 Aprile 2006


 CAP: 33010 - Altitudine (s.l.m.): m. 132 - Abitanti: 12.117 - Superficie: Kmq. 15,50

TAVAGNACCO - Storia e Descrizione www.turismo.fvg.it
Le origini di Tavagnacco sono attestate, con certezza, dall'epoca romana. Il toponimo del capoluogo si rifÓ ad un nome proprio latino, "Tabianus" o "Octavianus", probabile proprietario del fondo, con l'aggiunta del suffisso celtico "aco". I resti di una necropoli del I secolo d.C., confermano la presenza di una colonia romana e l'esistenza di una via di comunicazione da Aquileia verso il Norico (via Julia Augusta). Inoltre, Ŕ storicamente accertato che il confine tra il territorio dei Carni e quello aquileiese passava per il comune di Tavagnacco. La zona inizi˛ ad avere una certa importanza nel XIII-XIV secolo, ma giÓ nel 762 troviamo citata la localitÓ di "Adeliaco" (l'attuale Adegliacco) nell'atto di donazione dei nobili longobardi Anto, Erfo e Marco a favore del monastero di Salt. Numerose furono le famiglie che si avvicendarono alla guida delle varie borgate del comune: i signori di Fontanabona a Adegliacco e S. Fosca, i conti Florio a Molin Nuovo e Cavalicco, i conti Berretta a Colugna, le famiglie Rizzani a Feletto, i Miulitti e i Fontanini a Branco e i conti Tartagna di Prampero a Tavagnacco. Nei secoli seguenti la zona ha vissuto le vicende storiche comuni a tutto il Friuli.



  CAMPANE


 L'entrata in chiesa della processione, dopo la benedizione delle Palme...



 CANTO


...la liturgia della Passione di Nostro Signore e la recita del Padre Nostro...



 CANTO

TAVAGNACCO - Arte e Cultura
La Chiesa di S. Leonardo in Cavalicco Ŕ senz'altro il luogo pi¨ ricco di memorie storiche ed artistiche del comune. Suggestiva chiesetta con il muro in sassi a vista e campaniletto a vela sulla facciata, ha origini lontanissime dal momento che memorie documentarie la dicono "consacrata da Volpetto patriarca d'Aquileia l'anno secondo del suo patriarcato ai 12 luglio 882".
All'interno conserva affreschi di epoche diverse: sulla parete di fondo del coro un affresco devozionale con la Madonna in trono allattante, datato 1512 e firmato dal carnico Pietro Fuluto cui viene attribuito un altro riquadro con la figura di S. Sebastiano. Sulla stessa parete, a formare una specie di lunetta, un riquadro con la Madonna in trono tra i Ss. Elena e Sebastiano (inizio XVI secolo) affiancato dai Ss. Leonardo e Rocco (secolo XV).
Nelle vele, entro tondi sostenuti da angeli, i quattro Dottori della Chiesa (Agostino Gregorio, Ambrogio, Gerolamo) con i Simboli degli Evangelisti (pittore friulano della seconda metÓ del XV secolo); nell'intradosso entro riquadri a cornice mistilinea, figure di Santi (dello stesso pittore al quale si deve anche la sbiadita Annunciazione nell'arco trionfale).
Nell'aula, scene della Vita di S. Leonardo di buon pittore del XIV secolo legato alla cultura emiliana (interessante serie di ritratti nei prigionieri che ringraziano S. Leonardo nella parete destra e dieci monaci che partecipano alla fondazione della comunitÓ monacale di Nobiliacum nella parete sinistra).
Nella Parrocchiale di Tavagnacco, elaborato altare barocco in pietra, pala di Lorenzo Bianchini (Ascensione di Cristo, secolo XIX), pitture del gemonese Giuseppe Barazzutti nel coro (1929-30) e di Lorenzo Bianchini nella navata; a Feletto bella pala d'altare nella Parrocchiale: rappresenta San Giuseppe su nubi e la Consacrazione di S. Ermacora da parte di S. Pietro ed Ŕ opera del cortinese Giuseppe Ghedina (1823-1896); nella Chiesa parrocchiale di Adegliacco affresco di Carlo Boldi, tarcentino, nel soffitto della navata (S. Clemente tra i Ss. Pietro e Paolo, la Madonna con Bambino e l'Eterno Padre, 1793); a Colugna infine pala d'altare (S. Antonio) e affresco del soffitto (Consegna delle chiavi a S. Pietro) di Domenico Molinari di Udine (1806); decorazioni di Ferdinando Simoni (1870) e di G. Furlani (1923).
Da ricordare anche a Tavagnacco la Villa di Prampero che si affaccia su un parco sulle rive del Cormor.

Informazioni tratte da: 
GUIDA ARTISTICA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 
(
a cura di Giuseppe Bergamini )
dell'Associazione fra le Pro Loco del Friuli-Venezia Giulia
http://www.prolocoregionefvg.org