nuove dal friuli e dal mondo

Manzano, 28 Ottobre 2007

Incontro del gruppo della Onlus "per Vetren".

     Una trentina di persone si sono incontrate in un grande stanzone (ex laboratorio di artigianale di Ezio Cleri), per assistere una Messa celebrata da don Dino Pezzetta, giÓ Rettore dell'Abbazia di Rosazzo, luogo in cui il "proggetto Vetren" Ŕ nato e si Ŕ sviluppato. L'occasione per l'incontro Ŕ stata una Santa Messa in suffragio di Fiorenzo Bernardis ad un mese dalla sua improvvisa scomparsa.
     Da generoso alpino, Fiorenzo Ŕ stato uno dei primi volontari che hanno aderito all'iniziativa umanitaria in favore dei bambini di Vetren, ed in diverse occasioni ha fatto parte dei gruppi di lavoro che si sono avvicendati nel corso degli anni, fino al termine dei lavori.


In queste foto del 2002, Fiorenzo con Severino Piticco e con un gruppo di "amici di Vetren",
alla vigilia della partenza per una "vacanza di lavoro" in Bulgaria...

     La cerimonia e l'incontro conviviale che ne Ŕ seguito, Ŕ stata anche un'occasione per fare il punto sul futuro dell'Associazione, ed a breve termine la stesura di un progetto di lavoro da completare entro il Natale 2008. Si tratta di raccogliere tutto il materiale per la realizzazione di un volume che metta in rilievo le pi¨ significative e importanti tappe raggiunte nel corso degli anni, dall'inizio dei lavori fino al termine dei lavori di ristrutturazione dell'orfanotrofio bulgaro, che ha permesso di dare inizio ad un intrecciarsi di rapporti e di conoscenza reciproca tra le due comunitÓ nel campo economico, sociale, culturale e religioso nelle loro molteplici espressioni.


...l'inizio Messa...


 ...le letture...


 ...l'omelia...


 ...il Pater Noster...

     Dalle sintetiche descrizioni di don Dino, il volume dovrebbe essere formato principalmente da immagini, accompagnate da didascalie e semplici descrizioni, che mettano in rilievo le pi¨ importanti tappe raggiunte dall'inizio dei lavori fino all'inaugurazione della struttura, e dello svilupparsi dei significativi rapporti tra le comunitÓ italiane e bulgare, che hanno coinvolto anche personalitÓ ai vertici della scala sociale.

     Dopo una veloce analisi del progetto elaborato da don Dino, sui tavoli sono comparse le varie pietanze preparate dalle "volontarie", accompagnate da bottiglie di vino offerte dal padrone di casa e dal gruppo di Galleriano, sempre presente agli incontri della Onlus per Vetren.

     Alla fine, non potevano mancare le castagne, arrostite in tempo reale direttamente sulla "lastra" della bollente stufa a legna...