biel lant a Messe a...

Dolegna del Collio (GO), 7 Aprile 2013

          La "Fieste dal Friul" a Dolegna - Dolegna del Collio ha ospitato le celebrazioni ufficiali della Festa del Friuli organizzate dalla Provincia di Udine assieme a numerosi altri partners istituzionali. I rappresentanti delle arcidiocesi di Udine e Gorizia e della diocesi di Pordenone hanno celebrato la messa in friulano. Poi c' stata la lettura della Bolla dellimperatore Enrico IV. Alle 12 previsto il saluto da parte delle autorit e la premiazione della seconda edizione del concorso per le scuole Emozions furlanis in via pal teritori. A seguire ci sar il pranzo e poi, alle 15, visite guidate della durata di unora ai luoghi storici, turistici e promozionali di Dolegna. Per permettere ai giovani di approfondire il momento storico fondativo che la Festa celebra, ovvero listituzione (3 aprile 1077) dello stato patriarcale friulano, la Provincia ha consegnato a tutte le scuole che ne faranno richiesta copia del dvd Fril via tes storie: des origninis ae fin dal stt patriarcjl, di Massimo Garlatti Costa, realizzato dalla Provincia stessa.


...il Municipi e la Glesie...

Messa par furlan
celebrade dai rapresentants des tr Diocesis dal Fril

          La Messe par Furlan e la Celebrazione Ufficiale per la Festa del Friuli si sono sono svolte in un capannone della Cooperativa agricola di Lonzano, attorniati dai macchinari per la lavorazione delle uve e del vino. La Messa era presieduta da mons. Adelchi Cabass Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Gorizia, concelebrata con i rappresentanti delle altre due Diocesi friulane ed accompagnata dal Coro dell'UNITRE di Cormons diretto da Alberto Galiussi, all'organo Anita Persoglia. Rappresentava la Diocesi di Udine il Vicario Generale mons. Guido Genero.



 CJANT DI IENTRADE



 TAL NON DEL PARI


...Liturgje de Peraule...

 LETURE DAL VANZELI


Sore sere d'in che d, la prime de setemane, intant ch'a jerin sieradis lis puartis dal luc l ch'a jerin i dissepui par pore dai gjudeos, al riva Gjes e si ferma tal mie di lr e ur ds: Ps a vualtris!. E dopo dit cussi ur mostra lis mans e il flanc. I dissepui si jemplrin di gjonde viodint il Signor. Po ur torna a d: Ps a vualtris! Come che il Pari mi mandt me, cussi jo us mandi vualtris. E dopo dit cussi al sofla sore di lr e ur ds: Cjapait il Spirtu Sant: a di chei che ur perdonareis i pecjts, ur saran perdonts; a di chei che no ur al perdonareis, ur restaran no perdonts.Toms, un dai Dodis, che i disevin Zimul, nol jere cun lr cuant che al riva Gjes. I disevin chei altris dissepui: O vin viodt il Signor!. Ma lui ur rispuind: Se no vit tes ss mans il segnal dai clauts e se no met la me man tal so flanc, no crodarai gran. Vot ds dopo, i siei dissepui a jerin un'altre volte in cjase e cun lr al jere anje Toms. Al rive Gjes cu lis puartis sieradis e si ferma tal mie di lr e ur dis: Ps a vualtris!. Po i ds a Toms: Met il to dt culi e cjale lis ms mans, e slungje la t man e metile tal gno flanc, e no sta jessi plui cence fede ma un ch'al crt. I rispuind Toms e i dis: Signor gno e Diu gno!. I ds Gjes: stu crodt parceche tu mi s viodt? Furtunts chei ch'e n crodt cence viodi!. Gjes, in presince dai dissepui, al fase tancj altris spiei, che no son ripuartts in chest libri. Chei chi a son stts ripuartts par ch'o crodedis che Gjes al il Crist, il Fi di Diu, e, crodint, o vedis la vite tal so non. Peraule dal Signor.


 ...bons. Baldass a la
Omilie...


 ...une ocjade su la int in scolte...

FIESTE AI 7 DI AVRL
PAR RICUARD LA NASSITE DE NESTRE AUTONOMIE
(Michele Calligaris - Voce Isontina)

          La storie - Nfcent e trentess agns indar, in graciis di vlu lasst torn tes Gjermaniis dasp de umiliazion di Canosse, lImperadr Indr IV al invist il Patriarcje di Aquilee Sigjeart cuntun feut. Chest gnf Stt al cjapave dentri sei lis tieris de Contee dal Fril, implantade dai Langobarts 500 agns prin, che il Cragn e la Istrie. In ch volte, come vu, o sin intune regjon strategjiche che e je buine di cambi la storie. Il Fril al devent un Stt indipendent e unitari che al fo un esempli di modernitt par v vt un dai Parlaments plui antcs de Europe, scret ai 6 di Lui dal 1231. A Cividt, tal 1353, il Patriarcjt si indot ancje di une Universitt in graciis dai bogns rapuarts jenfri il Patriarcje Nicolau di Lussemburc e lImperadr Carli IV (il stes dal Puint Carli di Praghe, par intindisi), so fradi lastri. Il pod temporl dai Patriarcjis al fin cu la concuiste veneziane tal 1420.
          Vu - Ogni an une schirie di manifestazions par dut il Fril nus dan pardabon tantis ocasions par cjatsi e cognossi mir la nestre culture. Chest an la capitl de Fieste e je Dolegne, pas di confins, di bielece e di poesie. La liste interie dai apontaments si la cjate sul st de Societt Filologjiche, dut cs tal Gurizan o vin: - Tapoian, ai 27 di Mar aes 8.30 di sere, esecuzion di bande dal Grup Polifonic Claudio Monteverdi di Rude de Passion di Crist Contade di Zuan di Francesco Corteccia, recitazion Andrea Zuccolo, diretr Matja ek. - Monfalcon, aes 5 dai 3 di Avrl, tal Europalace in vie Cosulich, 20, Celebrazion de Fieste de Patrie dal Fril cu la partecipazion dai storics Mario Salvalaggio e Roberto Tirelli. Iniziative inmaneade dal Fogolr di Monfalcon. - Dolegne, aes 8 di sere dai 3 di Avrl, te Tratorie al Collio da Vinicio in vie Zorutti, 21 - Presentazion dai volums III, IX e XII de golaine "Mts, Flabis e Liendis dal Fril storic" editade dal Istitt A. Tellini di Manzan. Ilustrazion des publicazions par cure di Luigi Geromet in colaborazion cu "I Viandants" di Basilian e lIstitt pe culture slovene di San Pieri dai Sclavons. - Dolegne, aes 8 e mieze dai 5 di Avrl, te palestre de ex scuele elementr N. Sauro - Spetacul teatrl "Ce vitis" dai Trigeminus, su tematichis leadis ae poesie e ai scrits dal Strolic di Pieri Zorut.
          Doman - Vint plui di une reson par jessi braurs, si pues tign i 3 di Avrl come la nestre fieste nazionl, un moment par tir fr la bandiere cu la acuile par vissi che o esistn e che no voln mur. Dut cs, se si di mur, nol di jessi un suicidi. Cheste Fieste e je une ocasion di globalizazion buine di dopr par vierzisi e fsi cognossi no dome cui forescj, ma ancje cui nestris zovins: no vin di sotvalutju dome parc che no ju capn ad implen. Lis lr mancjancis a son ancje il spieli di chs des gjenerazions che a son stadis prin di lr. Si clame Fieste de Patrie, cence agjetfs, stant che no pues jessi piule. Ognidun al une patrie grande tal cr, fr di cualchi sotan che al crt di jessi a st te perifarie
di cualsisei altri pont dal mont. Braure, ma ancje cualchi pinsr plui in sot, stant che o viodn un Fril in crisi economiche e rapresentative. Al tai moments di crisi che il leam jenfri int e tiere e pues d rispuestis origjinls e impussibilis di copi inaltr. Buine Fieste de Patrie a ducj!



 PREJERE DAI FEDI



Suspr da l'anime dlce Marie,
par me ligrie ca j no j
che vinci il gjubilo che 'o sint e 'o brami,
quant che ti clami Marute me!
Marute me, Marute me,
quant che ti clami Marute me!

Marute, o tenare, peraule a dile,
cuss zintile, s'ingrope il cr
e di dulcissime ps mi s'inonde
l'anime monde d'afiet impr.
Marute me! Marute me,
quant che ti clami Marute me!

Prejere dai Furlans


Diu Pari
che tu s creade
la immensitt dal mont,
che tu s mandt Ermacure
a implant la t Glesie
su lis maseriis di Aquilee
parc che e pandi la t ls
ai todesc, ai slvs e ai furlans,
fnus vivi come fradis
te nestre Patrie.

Signr,
che Tu s a cjr il nestri vivi,
fs che o poddin onorti a dilunc,
su la olme di Marc, di Ilari e Tazian,
di Eufemie e Dorotee,
di Cromazi, di Paulin e di Beltram,
di Marc di Davian e di Lus Scrosop,
semenant vie pal mont
la gjonde di jessi furlans
e di jessi bandiere de nestre tiere.

Spirt di Diu
dnus la fuarze di tign cont
lis nestris lidrs,
no par iemplsi di superbie
ma par sav cui che o sin,
di dul che o vignn
e indul che o podn l,
par f incressi l'amr jenfri ducj i popui.

Madone di Mont, di Barbane, dal Lussari,
Madone di dutis lis glesiis dal Fril,
cjale des nestris fameis, dai nestris viei,
dai nestris fruts, de nestre int.

Inte lenghe mari e je la nestre preiere;
e come la mari e je ch fortunade creature
che e puarte tal s grim la samence de vite,
cussi la lenghe e je la samence dai popui.
Che la nestre preiere e rivi tal Cl
tant che il cjant armonis dai furlans.
Amen.

 
       
 BENEDIZION E CJANT FINL

 I FESTEGGIAMENTI SONO PROSEGUITI >>>