biel lant a Messe a...

Cordovado, 27 Febbraio 2005

CAP: 33073 - Altitudine (s.l.m.): m. 15
Abitanti: 2.433 - Superficie: Kmq. 12,12

Il comune di CORDOVADO comprende le localitÓ BELVEDERE, PUOI, SACCUDELLO e SUZZOLINS. Sorta su un "castelliere" preistorico e su un successivo insediamento romano-medievale a guardia di un guado (vadum), fu un forte castello di cui, dopo la ristrutturazione del 1418, restano due torri e suggestivi avanzi di mura e di fossato; ma pi¨ ancora resta il tessuto urbano integro (all'interno del quale si svolge in luglio una rievocazione storica in costume del XIII secolo). Informazioni:Circolo Culturale Gino Bozza piazza Cecchini, 27 - 33073 Cordovado (Pn) - Tel. 0434.68091 www.turismo.fvg.it

 La vecchia Pieve di Sant'Andrea e la nuova parrocchiale

  

  CAMPANE   

...l'interno della nuova parrocchiale...

 

 CANTI
         

 

...durante la Santa Messa...

Principali monumenti e opere d'arte
     La nuova Parrocchiale di Cordovado Ŕ sorta nel 1950 su progetto dell'ing. Giovanni Paiero, dopo che era stato scartato quello presentato da Domenico Rupolo. Costruzione in stile composito, con facciata a capanna appena mossa da un occhio, Ŕ preceduta da un nartece in pietra viva. ╚ decorata con pitture del veronese Pino Casarini (1962), qui in una stagione particolarmente felice della sua produzione artistica. Il ciclo ferma alcuni episodi emblematici della funzione salvatrice della vita di Cristo: si procede dall'Annunciazione alla Madonna in trono con il Bambino, all'Ultima Cena, Crocifissione, Deposizione e ad un magniloquente Giudizio Finale dominato dalla figura di Cristo Giudice. Nella pala affrescata dell'altare Ŕ rappresentata la Madonna con Bambino tra S. Andrea ed il Beato Tristano d'Attimis; nella predella, Episodi della vita di S. Andrea e del Beato Tristano. La mensa dell'altare ha decorazioni in ceramica policroma di Italo Costantini di Treviso (1968): di grande effetto il Presepio con i gruppi dei pastori e dei Magi in adorazione. Dello stesso Costantini son la Via Crucis in terracotta (1967) e quattro trittici di Santi sulle pareti (1969).


Al pittore Casarini invece si deve la splendida porta in bronzo (1961-62) con dieci formelle nelle quali sono raffigurati Fatti dell'Antico e del Nuovo Testamento.
     Nella chiesa si conservano anche opere provenienti dalla vecchia parrocchiale: un fonte battesimale in pietra del Cinquecento con coperchio in legno istoriato da Giuseppe Scalambrin (1964) ed una serie di dipinti di buona fattura: Vergine allattante incoronata da angeli (su tavola, proveniente dalla chiesa di S. Maria di Campagna) di pittore tomasesco, secolo XIV; Ss. Lorenzo e Stefano, su tavola, di Bernardino Blaceo, prima opera conosciuta del pittore udinese (1530); Madonna del Rosario (1586 circa) di Giuseppe Moretto sanvitese, con la bella serie dei misteri ad incorniciare le figure centrali; Madonna del Carmine, di pittore veneto del XVIII secolo; pala del Nome di Ges¨, pregevole dipinto di Nicola Grassi (ca. 1730-40).
     La vecchia Parrocchiale, allargata costruzione in stile gotico, a tre navate, con portale del 1477 adorno della cordonatura e dentellatura proprie di analoghe opere veneziane, oltre a due dipinti settecenteschi, il primo (Purificazione della Vergine) databile al 1769, firmato da Giuseppe De Gobbis che si rivela fortemente debitore dell'insegnamento del Piazzetta, il secondo (la Madonna addolorata, un angelo e un santo) di ignoto pittore veneto, ancora conserva tracce di antiche pitture, malandatissimi affreschi con Dottori, Evangelisti e Profeti nella volta del coro, attribuibili a Michele Stella (prima metÓ del secolo XVI) e figure di oranti (parte di un Martirio di S. Andrea), per le quali si pu˛ fare il nome di Giovanni Martini da Udine (inizio secolo XVI).
Antichi affreschi anche nell'Oratorio di S. Caterina (S. Giorgio e la principessa, Madonna allattante, Madonna col Bambino in trono tra i Santi Caterina, Giacomo e due vescovi, tre Sante, tutti della seconda metÓ del secolo XIV; i Ss. Sebastiano e Rocco del XV secolo e TrinitÓ del XVI) e nell'Oratorio di S. Girolamo in Castello (Madonna col Bambino in trono tra due Santi, secolo XIV).
     La chiesa con maggiori contenuti artistici Ŕ il Santuario della Madonna, eretto tra il 1600 ed il 1603, tempietto ottagonale con soffitto splendidamente intagliato da due artisti di Motta di Livenza, dorato da Cataldo Ferrara (1656-58) e dipinto in quegli stessi anni, negli otto ovali, da Antonio Carneo con figure di Santi e Profeti, completato inoltre di statue a stucco attribuite ad Andrea dell'Aquila e dei dipinti di Giuseppe Moretto (Vergine Annunciata), Baldassar d'Anna (S. Valentino, Crocifissione), Sante Peranda (NativitÓ di Maria). Nel presbiterio soffitto in stucco di eccellente fattura di Andrea dell'Aquila (1613) con affreschi coevi di Filippo Zaniberti (scene della Nascita e Assunzione della Vergine, Apparizione e Fondazione del Santuario); nel coro, opere di Domenico Soldi (Annunciazione) e di ignoti maestri veneti secenteschi.
     Nel complesso la chiesa presenta momenti di rara coerenza stilistica e si pone come uno dei centri primari per la conoscenza dell'arte friulana e veneta del XVII secolo. Nell'Oratorio di S. Urbano a Suzzolins, Ultima Cena di Giuseppe Buzzi (XVIII sec.) e dipinto settecentesco, di imitatore di Sebastiano Ricci, raffigurante la Madonna con Bambino ed i Ss. Floriano, Eurosia, Gregorio e Luigi Gonzaga.
     Per quanto riguarda gli edifici civili, da ricordare nel Borgo antico il Castello medioevale e la Villa Attimis Freschi-Piccolomini, ed inoltre il Palazzo Bozza-Marrubini, con affreschi storici e mitologici di Francesco Zamolo (1704-1712), venzonese imitatore di Giulio Quaglio; Palazzo Marzin, con vedute paesaggistiche e decorazioni a grottesche del XIX secolo: Palazzo Cecchini, con decorazioni neoclassiche e scene allegoriche ottocentesche.

Informazioni tratte da: 
GUIDA ARTISTICA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 
(
a cura di Giuseppe Bergamini )
dell'Associazione fra le Pro Loco del Friuli-Venezia Giulia
http://www.prolocoregionefvg.org


Castello di Cordovado

Il castello di Cordovado, situato probabilmente vicino ad un "castelliere" preistorico e ad un successivo insediamento romano, fu eretto intorno all'XI secolo per difendere il territorio dalle scorrerie degli Ungheri. La favorevole posizione geografica della fortificazione, posta in prossimitÓ di un guado su un ramo del fiume Tagliamento (da cui il toponimo "corte vedi"), le fece assumere nel tempo notevole importanza, tanto da diventare residenza estiva e sede sussidiaria dei vescovi di Concordia. Costoro nel secolo Xlll assunsero predicato di marchesi di Cordovado e insediarono nel castello un gastaldo con uffici militari e di giustizia. Nel 1306 per tradimento di Gregorio Sguarra nei confronti della sede concordiese, il maniero fu messa a dura prova. Ma giÓ nel 1329 Artico di Castello, nuovo vescovo di Concordia, riassumeva il feudo e ne restaurava la difesa, che si mostr˛ tempestiva perchŔ seguirono varie lotte. Nel 1387 fu posto sotto assedio dai Carraresi e nel 1412 gli Ungheresi espugnarono il fortilizio; vennero ricacciati dai Veneziani, i quali se ne andarono definitivamente dopo il riscatto operato da Enrico di Strassoldo, vescovo di Concordia. Nel 1418, per intervento di Tristano Savorgnan, il castello fu ancora preso e incendiato. Risorse pi¨ tardi e la comunitÓ del luogo prese impegno di tenerlo in efficienza utilizzando i dazi che avevano facoltÓ di riscuotere. Nel XVI secolo, dopo i crolli causati dal violento terremoto del 1511, fu edificato l'attuale palazzo sulle fondamenta dell'antico maniero. Della struttura originaria del castello rimangono le due torri e parte delle mura di cinta. Due torri inquadrano l'accesso: porte arcuate di armoniosa struttura danno adito alle abitazioni vicine, incluse nel tessuto stradale del paese sorto per naturale germinazione a ridosso dell'antica difesa.
 www.turismo.fvg.it