biel lant a Messe a Madone di Mont

Castelmonte, 20 Maggio 2001


SUONO DELLE CAMPANE

Pellegrini in cammino verso il Santuario della B.V. di Castelmonte.
Ho notato qualche "solitario", che saliva verso il Santuario con la corona del Rosario in mano.

Bancarelle sul piazzale dei parcheggi.
Non mi sono ricordato chiedere se erano disponibili... luvns e carobulis...

La chiesa stracolma di persone, durante le tre Sante Messe, a cui ho parzialmente assistito. Nei due brevi intervalli tra una cerimonia e l'altra, non sono riuscito a trovare un posto nelle prime file, per poter effettuare una fotografia decente della Sacra Funzione. Quel giorno, a Castelmonte erano in pellegrinaggio le comunit di Santa Maria di Piave, di Bassano del Grappa e di Cortale, oltre naturalmente ad ospiti occasionali... come il sottoscritto...!

Doverosa discesa nella cripta, con il lancio di qualche moneta da cento lire... al diul... non si s mai di cui che si p v bisugne...!


Accensione di un cero e recita di un'Ave Maria, per conto dei friulani sparsi per il mondo, che idealmente pregavano con me.


Una panoramica sul piazzale dei parcheggi, intorno alle 11

Movimento di pellegrini, poco prima di mezzogiorno.

Subito dopo sono incorso in un piccola disavventura, che ha avuto un risvolto positivo. Praticamente sono rimasto "bloccato" per due ore a Castelmonte, ma durante questa "prigionia" l'ho trascorsa conversando piacevolmente con una simpatica signora. Ho potuto altres effettuare alcune riprese fotografiche, con la chiesa praticamente vuota.


Particolare dell'altare, con la statua della "Madonna nera" di Castelmonte.


Il piazzale del parcheggio semivuoto,  poco prima del rientro.

Dai ricordi di un emigrante...


MADONNA DI CASTELMONTE PREGATE GES PER NOI 

(Di Walter Cibischino)

            Tal me pais la che soi nast, Cjasteons di Strade, tai ains tra el 1945-50 a si leve une volte a ln in "pelegrinagjo" a Madone di Mont, par ringrazia le Madone e el Signr pa lor providence!
            A chi cmo in Canada la ca soi a st, ogni volte ca vjolt une slitte, tirade da cjavai "SLEIGH RIDE O UN HEY RIDE" a mi ricuardi simpri dai pelegrinagjos di Madone di mont!
            A l'e l'an 1949, Pasche a ere pc ca ere passade, e no frz avevin appene finit di "batela e scarozela" dopo rosari in glesie, cmo nol restave altri che di speta, di la in pelegrinagjo a Madone di mont! A bisugnave las le caparre e prenot el puest sul cjar dai Bacans di "Sis" a mancl un mes e miez prime di part. Durant dc i ains pasaz le tarife a ere di quatri cent francs, ma chest n parce che i Sis avevin mitudis tal cjar li arvuedis di gome come ches da machinis, e si viazave plui confortevolmentri, che no cun ches di len e fiar, el presit a l'ere lat s a quatri cent e cinquante francs!
            Si partive simpri di chel stes orari, e di chel stes pust! Ale une e mieze dopo mieze gnt. Da place dal pais, devant le glesie, sot el tr (cjampanili). A si sintavin ator el cjar cui pis in iu, e altris tal miez dal cjar sintaz su li balis di strn! Durant el ms di Juin, e adre le mattine al faseve ancje mo fresculin e csi a si taponavin cun qualchi sfilzade o qualchi capt restat in dar dai Cossacs dopo le guere. A erin in cirche une cinquantine di personis e fruz! Doi cjavai di fuarze a tiravin el cjar cal veve li arvuedis ben ontis cul "smir"!
            Quant ca erin sul stradn ca nus puartave viars Udin e Cividat, mi par ancje mo di sinti el "tic toc, tic toc dai cjavai e le int a cjant," MADONNA DI CASTELMONTE, PREGATE GES PER NOI !"
            Pc prime di riv a Udn al scomenzave a "crica" el d, e si scomenzave a viodi li culinis di Cividt, e le int a diseve: Vioditu la ca vin di la? No mi par vere! Ha Madonute benedette iudinus!!
            Dopo passat Udn sul stradn viars Cividt a le un tc di strade la ca si viot su li culinis, el paist di Castelmonte! Mi ricuardi che me mari a mi dismoveve par dimi "vioditu Walter, vioditu la ca e le Madonute, a le la, ca vin di la, Ha Madunute ce tant lontan ca tu ses, ma no vignin instes a cjatati! Salve Regjne mari....!"
            Di Cjasteons a Cjararie a son cirche cinquante chilometros, e no cul cjar a mettevin cirche vt oris par riva a Cjararie, cenze mangja e si e no si beveve une taze di aghe parce che avevin di fa le comunin! Si rivave a Cjararie viars lis nf, mi par come cmo, quant ca si rivave, a distacavin dal cjar i doi cjavai ca erin duc sudz, cul sudor cal coreve i dal lor curp come sal ves plovut! I ca vevi nuf-dis ains a cjalavi i cjavai cun d'une certe pne di lor, e une certe gratitudine par venus tirz cusi lontan... ubidienz, e cenze mai lamentansi.... Chei doi cjavai a li, dai Bacans di Sis, a mi son simpri restaz cjars tal cr!
           Di Cjararie a Madone di mont a erin cirche sit chilometros di strade di montagne, cenze sfalt, e n ducju avevin cmo di fale a pt disnt qualchi prejere strade fasint! Durant le strade a cirche un o doi chilometros di un a che l'altri a erin i "casei" (une pizule nicchie) cun d'une pitture da Madone, e no si fermavin dc l, a disi tre (salve reginis) e fa li crosutis cui stecz di len!
   
          Quant ca si rivave sul plazl sot le glesie a l'ere come un grant solievo....ma ancie mo no si ere rivaz in glesie!
Dal plazal sot le glesie (che cmo a le un parchegjo) fn in glesie a sn cirche quarante scjalins,... che me mari ma i faseve f, cun je cui zenoi!!.. E strade fasnt a si diseve rosari...Mi ricuardi che me mari a diseve..."Ti prei Madonute benedete ten da menz i mie frz....E el me omp ca le a vore in Svizzare di besl". (No ai mai sintut me mari a prea par je, ma simpri pa so famee, e chei mancl fortunaz!!) Quant che finalmentri a si rivave in glesie e si diseve qualchi prejere, a si sintavin ta un banc, tal cidn e tal fresc, e tal cuit.... A ere come une rincompense pal sacrifici ca si veve ft a riv fin la! Dope sedi confessaz e dopo le mese, e fate le comunion, si leve tal "refletori" a mangja ce che si veve partat.
   
         Qualchi d'un al mangiave polente e formadi, un altri al mangiave polente e fricis, e chei ca stevin plui ben a mangiavin polente e polez! El rest da zornade a ere dedicade a la a viodi du i quadris da glesie, e le, buteghe dai ricordos, par compr si e no qualchi madajute cu le Madone par fale dopo bened dai Fraris, e mand une cartuline a me pari ca l'ere in Svizzare!
   
         Le gnt, i fortunaz a le passavin tal dormitori public, a durmi su li brandis, e che altris a durmivin tal refletori la ca si mangiave! Cui al durmive su li bancjs. Altris a durmivin su li taulis ...E altris scrufuliz par tiare, sul paviment di piere! I omps zovins a levin a durmi pai cjamps ta medis dal fn ca avevin tajat i contadins locai.
   
          Tal domn dopo sedi lavaz le mse ta lage da fontane e cjapade messe a si tornave a Cjararie planc plancz cirnt qualchi nole strade fasint!
            A si partive cul cjar di Cjararie quant cal scomenzave a la i el soreli viars cinc e mieze sis, dc contenz e raccontansi li storis da zornade pasade.
            A si rientrave a Cjasteons tal domn durant le gnt viars le une e mieze dos, dopo mieze gnt... Mi ricuardi che quant ca si entrave tal pais, i paesans a jevavin e a viargevin i scurs dai barcns da cjamaris par vigni a viodi, e par vigni a saluda e a sinti i pellegrins di Madone di mont ca cjantavin: MADONNA DI CASTELMONTE PREGATE GES PER NOI !
   
         WALTER CHEL DI CIBISCHIN - Scrite el 28 di Lui 1996.
                                        "Tapon el passt a le rinunci a lis tie radis.!